Accordo Unione europea-Mercosur un buon inizio

Infografiche

Infografica dal CSC - Accordo UE-Mercosur - un buon inizio

Infografica dal CSC — Accordo UE-Mercosur* - un buon inizio

*Comprende i quattro stati fondatori: Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay

 

In un contesto di ritorno al protezionismo i trattati preferenziali degli scambi acquistano un ruolo fondamentale. Gli accordi che l'Unione europea ha effettuato fino ad ora hanno avuto un forte impatto positivo sulle esportazioni europee e, soprattutto, italiane. Secondo stime CSC, hanno generato una maggiore crescita delle vendite italiane in Corea del Sud di circa il 55 per cento (cumulato) nel lungo periodo e in Canada di quasi il 10 per cento in due anni.

A luglio 2019 tra i paesi del Mercosur e la Ue è stato raggiunto un accordo commerciale che consentirà alle imprese europee un accesso prioritario ad un mercato, molto protetto in termini di barriere tariffarie e non, di 260 milioni di consumatori.

Nei settori rilevanti per le esportazioni italiane in questa area, quali macchinari e prodotti chimico-farmaceutici, i dazi attualmente vigenti superano anche il 15 per cento. Nell'arco di dieci anni dall'entrata in vigore dell'Accordo si elimineranno tali barriere tariffarie sul 91 per cento dei prodotti importati dalla Ue.

Intenso il legame economico diretto che le imprese italiane hanno con il Brasile, rappresentando la seconda meta di localizzazione per le controllate italiane all'estero, subito dopo gli Stati Uniti, in termini di numero di addetti (quasi il 9 per cento degli addetti delle multinazionali italiane all'estero).

 

Per approfondimenti sugli accordi dell’UE con Corea del Sud, Giappone e Canada rimandiamo al capitolo 4 di Esportare la Dolce Vita 2019.


Contatti

Nome Cognome
 +39 123.456.789
 ZZZ

CONTENUTI CORRELATI

15 gennaio 2020
Accordi commerciali UE antidoto al protezionismo USA e volano per ...
Prodotto: Note dal CSC

In uno scenario internazionale governato dall'incertezza e da spinte protezionistiche, gli accordi commerciali di nuova generazione conclusi dall'Unione europea con i paesi terzi sono uno strumento strategico per sostenere gli scambi esteri. In particolare, quelli in vigore con la Corea del Sud, con il Canada e con il Giappone hanno comportato un forte aumento delle esportazioni italiane verso questi mercati extra-Ue.

leggi
14 febbraio 2020
L’Italia inizia anche il 2020 senza crescita. Rischi dalla Cina, ...
Prodotto: Congiuntura Flash

L’economia italiana stenta e inizia anche il 2020 senza crescita: export in difficoltà, occupati stabili, segnali contrastanti sui consumi, manca il credito alle imprese. Gli investimenti cresceranno? Nuovi rischi dalla Cina in emergenza sanitaria, ma i mercati finora reggono, lo spread sovrano è in calo, petrolio ed euro sono in altalena. Gli scambi mondiali sono incerti, l’Eurozona cresce poco, inizia infine la Brexit, ma l’economia USA è in carreggiata.

leggi
31 marzo 2020 Roma

Presentazione rapporto di previsione sull'economia italiana e gli scenari geoeconomici ...
Centro Studi  

Il Centro Studi Confindustria (CSC) vi invita a scaricare il Rapporto Le previsioni per l’Italia. Quali condizioni per la tenuta ed il rilancio dell'economia?, in uscita il prossimo 31 marzo alle ore 10.00, sul sito di Confindustria

leggi
Dove siamo
Complementary Content
${loading}