Il TAV si deve fare, l’interesse nazionale deve prevalere

11 marzo 2019 | Presidente

Stampa

Condividi

Il TAV si deve fare, deve prevalere l’interesse nazionale. Il blocco dell'opera provocherebbe una grave perdita di credibilità internazionale del Paese, non si possono cambiare le regole del gioco ad ogni cambio di governo.

Oggi il Presidente Boccia è intervenuto nella trasmissione “Circo Massimo” su Radio Capital, molti gli argomenti affrontati.

La situazione economica è seria, l’Italia sta attraversando una crisi evidente e sono molti i settori produttivi in sofferenza. A fronte di questa situazione, il lavoro e la crescita devono essere la priorità, il ciclo economico negativo non permette perdite di tempo.

Serve un piano shock per far ripartire l’economia, un piano organico di politica economica che faccia recuperare fiducia al Paese. Le previsioni di crescita del governo non si stanno realizzando, bisogna reagire in fretta.

Per farlo occorre aprire tutti i cantieri pronti a partire con le risorse già stanziate e senza incidere negativamente sui conti pubblici.

Nel corso dell’intervista il Presidente Boccia ha affrontato anche il tema del salario minimo, una misura che può essere condivisibile per i lavoratori non protetti dal contratto collettivo nazionale. La discussione deve servire anche a fare chiarezza sulla rappresentanza e ad eliminare le situazioni di dumping contrattuale da parte di organizzazioni che rappresentano pochi soggetti e che abbassano il costo del lavoro.

Ascolta l’intervista del Presidente Boccia a “Circo Massimo su Radio Capital”, dal minuto 49.45 


Dove siamo
Complementary Content
${loading}