Di Stefano apre il 50° Convegno dei Giovani Imprenditori: riscriviamo la Costituzione economica, serve alleanza under 40 estesa a società civile e sindacati

09 luglio 2021 | Vice Presidente,Giovani Imprenditori



"Oggi a guidare questo Paese c'è un governo istituzionale di alto profilo. Abbiamo ritrovato la coesione nazionale. Abbiamo a disposizione una enorme mole di fondi. Ora serve anche una visione, per riscrivere la Costituzione economica del Paese". Così Riccardo Di Stefano, presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria, nelle tesi di apertura si è rivolto ai leader politici. "Abbiamo una domanda da farvi: qual è la vostra idea di storia futura? Ci piacerebbe trovare terreno fertile per costruire una visione condivisa del Paese e un metodo per attuarla. Ma a volte, questa, non sembra la volontà di tutti. E ci dispiace".

Di Stefano ha proseguito proponendo un'alleanza: "Chiediamo anche alla società civile e ai sindacalisti under40 di unirsi alla discussione e lavorare con noi. E siccome il mondo è cambiato, allarghiamo la cabina di regia, e mettiamo insieme imprenditori, commercialisti, avvocati, manager, e poi rider, piattaforme della gig economy, partite iva, startupper. Vogliamo intorno al tavolo chiunque si senta di contribuire a un patto che miri a ridare dignità e opportunità alle giovani generazioni. A cominciare dalle Istituzioni. Noi lo stiamo già facendo: insieme ad altre 12 sigle datoriali under 40, abbiamo creato un tavolo di confronto, chiamato IMPatto Giovani, che mette insieme oltre 100 mila associati. Sguardo generazionale sul Pnrr, spinta all'autoimprenditorialità e ottimismo nella capacità di fare impresa sono i denominatori comuni del nostro tavolo".

Riccardo Di Stefano, ha proposto inoltre un ministro delle Finanze comunitario: "Vogliamo affidargli il nuovo Patto di Stabilità, che introduca il concetto di progressività. Ma è importante che i vincoli del Patto futuro siano modulari: se l'Italia deve ridurre il debito, saranno i paesi con più spazi di bilancio a espanderlo in modo che l'Europa possa continuare a crescere".

E infine sul tema del lavoro e welfare Di Stefano ha detto: "Si è creato il reddito di cittadinanza, che non solo non ha abolito la povertà, ma sta addirittura generando effetti distorsivi. Il dramma del lavoro senza tutele va combattuto e condannato in ogni forma perché penalizza gli imprenditori onesti, che sono la maggior parte. Bisogna, dunque, riformare il reddito di cittadinanza, a partire da quelle politiche attive che sono rimaste lettera morta, per renderlo ciò che dovrebbe essere: un sostegno a chi è in difficoltà e non una rendita di immobilità". Il presidente dei Giovani Imprenditori ha concluso dicendo: "Se vogliamo alzare gli stipendi, abbassiamo il cuneo fiscale a favore dei lavoratori e impegniamoci tutti per far crescere la produttività. Quella che ormai i dati chiamano ripartenza, deve esserlo non solo per i trend economici, ma anche per la nostra società, di cui noi imprenditori siamo parte".

Sulle startup il presidente Di Stefano ha proposto: "Entro il 2022 il 60% del pil mondiale dipenderà dalle tecnologie digitali. Per sprigionare al meglio questo potenziale, proponiamo due cose: un'alleanza di filiera per l'open innovation, da realizzare con un abbattimento dell'Ires per le aziende che fanno investimenti strategici in startup. E poi, la decontribuzione per i primi tre anni di attività per chi crea una startup". E sul tema della finanza ha concluso: "Ci piacerebbe che si creassero, con Cassa Depositi e Prestiti, i primi basket bond a misura di imprenditore under35, per sostenere chi, tra noi, fa già impresa e chi vuole iniziare".


Dove siamo
Complementary Content
${loading}