Baroni a QN: Italia-Germania, rafforzare le filiere nell’ottica delle transizioni

07 settembre 2023 | Vice Presidente,Piccola Industria

“Le transizioni in corso possono essere una grande opportunità, a patto che le si sappia affrontare nel modo giusto: per cominciare, con un approccio di filiera, al di là dei confini geografici del Paese” così ha avvertito Giovanni Baroni, presidente Piccola Industria di Confindustria, intervistato da QN  in occasione dell’incontro “Italia-Germania: transizioni, nuove geografie di filiera e opportunità per le Pmi” organizzato a Bologna insieme a AHK Italien, la Camera di Commercio Italo-Germanica. “Dobbiamo iniziare a ragionare in termini di continente e quindi, nel nostro caso, di Europa. Di qui il ciclo di incontri, il primo dei quali non poteva che partire dal principale partner commerciale dell’Italia”.

 

E sulle conseguenze della recessione tedesca sul nostro tessuto industriale Baroni ha detto: “Registriamo un rallentamento, soprattutto sul piano degli investimenti. Quella tedesca e la nostra sono due economie interconnesse. La loro aveva cominciato a rallentare un anno fa, quando la nostra era in piena euforia. Le previsioni parlano di un 2024 che non avrà nulla a che vedere con l'anno che ci siamo lasciati alle spalle”. Al momento l’economia italiana sta tenendo in particolare “il manifatturiero, anche per effetto della domanda, legata a consegne lunghe. La frenata ci sarà alla fine dell’anno e all’inizio del 2024. Per quanto riguarda la Germania sta mettendo in atto una serie di misure potenzialmente efficaci. Crediti di imposta forti, focus sulle Pmi, incentivi e, sembra incredibile, interventi di semplificazione burocratica. Dico incredibile perché parliamo un Paese simbolo di efficienza. L’auspicio è che si riesca a coordinare gli interventi con l’Italia, visti gli stretti rapporti economici e commerciali che abbiamo con loro. I 58 miliardi di euro stanziati per le transizioni nel 2024 e gli investimenti sulle infrastrutture e la rete ferroviaria creeranno un indotto anche per noi”.

 

Il presidente della Piccola Industria ha sottolineato, poi, come l’interscambio italo-tedesco “continui a crescere da anni. Nel 2022 era a quota 168 miliardi, contro i 142 del 2021. Nel 2015 era a 108. Numeri che danno la misura di una crescita costante”. Mentre sulle opportunità per le Pmi Baroni ha concluso: “Parliamo ormai di un mercato comune. Molti prodotti d’eccellenza dell’industria tedesca, inoltre, hanno componenti che parlano italiano. Bisogna che le filiere dialoghino e affrontino insieme le grandi evoluzioni a cui sono chiamate, esprimendo il primato tecnologico di cui sono capaci. Anche per disarmare le minacce che arrivano da altri continenti".


start portlet menu bar

Programmi europei a gestione diretta 2014-2020

Display portlet menu
end portlet menu bar
Dove siamo
Complementary Content
${loading}