Ancora in aumento la produzione industriale in ottobre (+0,1%) e novembre (+0,2%)

Indagine rapida sulla produzione industriale

Nel 4° trimestre del 2021, la produzione industriale italiana starebbe proseguendo il trend di crescita già osservato nel corso dell’anno, anche se con un passo meno sostenuto. Gli incrementi in ottobre (+0,1%) e novembre (+0,2%) implicherebbero una variazione trimestrale acquisita dello 0,2%, un ritmo più contenuto di quanto osservato nei primi tre trimestri (rispettivamente +1,5%, +1,2% e +1,0%). Le ragioni di tale dinamica sono riconducibili in parte ad un fisiologico rallentamento (l’Italia è quella che tra le grandi economie europee a settembre si posizionava meglio rispetto al periodo pre-pandemia, +1,5% rispetto a febbraio 2020, mentre Germania e Spagna non hanno ancora chiuso il gap produttivo), in parte all’emergere di fattori limitativi della produzione, quali la scarsità di alcune componenti e materie prime, al maggior ricorso alle scorte di magazzino, al rallentamento produttivo dei principali partner commerciali e al maggior grado di incertezza. 

Come sta andando la produzione industriale in Italia

Le imprese intervistate dal CSC hanno rilevato un aumento della produzione industriale dello 0,1% in ottobre rispetto a settembre, e dello 0,2% in novembre. I livelli di attività in entrambi i mesi si sono  mantenuti superiori di oltre l’1% rispetto alla media dei primi nove mesi dell’anno. Gli ordini in volume destagionalizzati sarebbero aumentati rispettivamente dello 0,6% e dello 0,5% mensili.

Gli indicatori congiunturali hanno continuato a segnalare una dinamica espansiva dell’attività nell’industria, e in crescita sia in ottobre che in novembre: la fiducia delle imprese manifatturiere è salita in modo rilevante tra ottobre e novembre, per via del miglioramento dei giudizi e delle attese sui livelli di produzione e sugli ordini. In calo, invece, quella delle imprese dei servizi di mercato. Nonostante il grado di utilizzo degli impianti da parte delle imprese manifatturiere nel 3° trimestre abbia raggiunto il valore più alto dal dicembre 2018 (78,1%), la scarsità di manodopera, l’insufficienza di materiali, l’aumento dei costi di esportazione e l’allungamento dei tempi di consegna sono stati percepiti come elementi di crescente ostacolo alla produzione. Il recente forte incremento dei prezzi alla produzione di ottobre (+7,1% di cui +9,4% sul mercato interno), potrebbe esacerbare le tensioni dal lato dell’offerta tra la fine del 2021 e il primo trimestre del 2022.

L’indice PMI manifatturiero a novembre è aumentato in modo robusto (62,8 punti da 61,1 di ottobre), confermandosi per il diciassettesimo mese su valori espansivi. Secondo le imprese del campione di IHS-Markit, c’è stato un ulteriore incremento degli ordini (il dodicesimo consecutivo da dicembre 2020, ad un tasso di crescita massimo negli ultimi sei mesi), ma anche forti interruzioni sulla catena di distribuzione.

Due elementi che hanno inciso negativamente a settembre e potrebbero dispiegare effetti sfavorevoli anche nei mesi a venire, sono la moderazione dell’attività economica tedesca (-2,4% nel 3° trimestre) e l’incremento dell’incertezza di politica economica. L’indice calcolato da Baker, Bloom e Davis è salito del 149% per ridursi in ottobre.

Tabella e grafico produzione industriale in Italia - Indagine rapida CSC novembre 2021

Contatti

Nome Cognome
 +39 123.456.789
 ZZZ

CONTENUTI CORRELATI

27 novembre 2021
Nel 2021 forte il rimbalzo del PIL italiano, frenata a ...
Prodotto: Congiuntura Flash

Nel 2021 è forte il rimbalzo del PIL italiano, nonostante la frenata a fine anno causata da scarsità di materiali e nuovi contagi. Il 2021 potrebbe chiudersi con un PIL al +6,3/6,4%. L’industria rallenta ma è in crescita, i servizi restano in recupero pur con qualche ombra, gli occupati sono in risalita. I consumi privati trainano il rimbalzo, gli investimenti crescono ancora, mentre frena l’export italiano di beni. Il caro-energia penalizza imprese e famiglie italiane, l’Eurozona mostra qualche difficoltà, mentre gli USA accelerano a fine anno.

leggi
20 novembre 2021
La manifattura al tempo della pandemia. La ripresa e le ...
Prodotto: Rapporto industria

Quali sono le trasformazioni che già prima dell’irrompere della pandemia stavano investendo la manifattura mondiale? In che modo l’avvento della pandemia sta modificando la sua logica di sviluppo? Come si muove la manifattura italiana nel nuovo contesto? La pandemia ha improvvisamente riportato all’attenzione problemi e dinamiche che gli anni della globalizzazione trionfante avevano contribuito a lasciare nell’ombra. Al tempo stesso il tramonto del multilateralismo, in atto già da prima, rende difficile immaginare quale forma potrà assumere una nuova (e necessaria) governance degli squilibri mondiali. Si apre per gli operatori una fase piena di incognite, in cui tuttavia la manifattura mostra segni importanti di grande vitalità che è fondamentale non vengano dissipati a causa di un contesto in cui domina l’incertezza.

leggi
08 novembre 2021
Leggero calo della produzione industriale in settembre (-0,1%), torna a ...
Prodotto: Indagine rapida sulla produzione industriale

Nel 3° trimestre del 2021, la produzione industriale italiana è cresciuta dell’1,0% rispetto al 2°, un ritmo più contenuto di quanto osservato nei primi due (rispettivamente +1,5% e +1,2% trimestrale). Il 4° si sarebbe aperto in crescita (+0,2% in ottobre). In settembre si era rilevata una riduzione dell’attività dello 0,1% (dopo quella dello 0,2% riscontrata dall’ISTAT e dal CSC ad agosto). Le ragioni del rallentamento tra luglio e settembre sono riconducibili a fattori limitativi della produzione, quali la scarsità di alcune componenti e materie prime, al maggior ricorso alle scorte di magazzino, al rallentamento produttivo dei principali partner commerciali e al maggior grado di incertezza.

leggi
02 ottobre 2021
Si ferma la salita della produzione industriale in agosto (-0,2%) ...
Prodotto: Indagine rapida sulla produzione industriale

La produzione industriale italiana è cresciuta nel terzo trimestre del 2021, secondo quanto rilevato dalle imprese intervistate dal CSC, dello 0,5% trimestrale, ovvero un ritmo fisiologicamente più contenuto di quanto osservato nei primi due (quando era aumentata rispettivamente di +1,2% e +1,5% trimestrale). Il trimestre si sarebbe chiuso in calo: ad agosto si è rilevata una riduzione dell’attività dello 0,2% (dopo l’aumento dello 0,8% riscontrato dall’ISTAT a luglio), seguito da un ulteriore calo dello 0,3% in settembre spiegato da un maggiore ricorso alle scorte di magazzino, da possibili strozzature dell’offerta lungo la filiera produttiva internazionale dovute alla scarsità di alcune componenti e materie prime e dal rallentamento produttivo dei principali partner commerciali nel 2° trimestre del 2021.

leggi
Dove siamo
Complementary Content
${loading}