La dichiarazione finale dal B7: crescita inclusiva per rimuovere le diseguaglianze

05 luglio 2019 | Affari Internazionali,Direttore Generale

Si è concluso oggi ad Aix-En-Provence il B7, summit annuale organizzato dalle associazioni imprenditoriali dei paesi G7. I vertici industriali hanno confermato il forte sostegno del mondo delle imprese al libero commercio, alla sicurezza digitale, alla lotta ai cambiamenti climatici nonchè il loro impegno per eliminare le ineguaglianze sociali a livello globale. La tre giorni di lavori è stata conclusa da una dichiarazione congiunta in vista del G7 in programma a Biarritz nel prossimo agosto.

Nei giorni scorsi la vicepresidente per gli affari internazionali di Confindustria, Licia Mattioli, intervenuta nel panel sul commercio, ha posto l’accento sulle distorsioni di mercato causate delle sovvenzioni statali erogate a taluni attori internazionali richiamando la necessità di una governance multilaterale più efficace attraverso una riforma della WTO (Organizzazione mondiale del commercio). Gli altri componenti della delegazione italiana, il presidente di Telecom Italia, Fulvio Conti, ed il vicepresidente di Leonardo, Andrea Campora, hanno dibattuto le priorità per la sicurezza digitale, fornendo un contributo prezioso ad un dibattito sempre più fondamentale in Europa e nel mondo. Ancora una volta, l’industria italiana è stata autorevolmente partecipe al dibattito sulla governance economica globale. 

Con la dichiarazione congiunta finale, firmata dalla dg di Confindustria, Marcella Panucci, i componenti del B7 ritengono che il 2019 dia al G7 l'opportunità di impegnarsi in un'iniziativa globale e ambiziosa per promuovere una crescita e una governance sostenibili e inclusive per il XXI secolo, poiché la questione delle diseguaglianze viene messa in primo piano dalla presidenza francese come priorità del G7.

In allegato la dichiarazione integrale firmata dai B7 e il video dell'intervento della dg Marcella Panucci.



Dove siamo
Complementary Content
${loading}