COMUNICATI STAMPA


CONFINDUSTRIA DONA UN FURGONE ALL’ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI
Il Presidente Carlo Bonomi ha consegnato l’automezzo alla sezione di Vicenza. Sarà utilizzato per la distribuzione di pasti e generi alimentari
 
Vicenza, 22 dicembre 2021 - Il Presidente di Confindustria Carlo Bonomi, oggi a Vicenza ha donato un furgone all’Associazione Nazionale Alpini sezione di Vicenza, che verrà utilizzato per la distribuzione di pasti e generi alimentari per i più fragili e per le persone affette da disabilità.
 
L’iniziativa di responsabilità sociale è nata a seguito della giornata Nazionale degli Alpini, celebrata a Milano l’11 maggio del 2019 presso l’Auditorium di Assolombarda che ha ospitato il concerto della fanfara storica della sezione di Vicenza.
 
“Gli Alpini rappresentano il volto del coraggio e della solidarietà dell’Italia - ha dichiarato Carlo Bonomi, Presidente di Confindustria. Uno spirito di responsabilità che ci accomuna a loro come imprenditori e che ci muove ogni giorno a dedicare un forte e convinto impegno alla nostra comunità e al territorio. Più di un milione e ottocentomila italiani sono in povertà e questa è una priorità che ci deve vedere tutti uniti, fare squadra”.
 
Tra i presenti alla cerimonia di consegna del furgone anche la Vicepresidente Barbara Beltrame Giacomello; la Presidente di Confindustria Vicenza Laura Dalla Vecchia; il Presidente nazionale degli Alpini Sebastiano Favero; il Consigliere nazionale Silvano Spiller; il Presidente Ana Sezione Vicenza Monte Pasubio Luciano Cherobin; il Sindaco di Vicenza Francesco Rucco; Paolo Bastianello Presidente comitato education di Confindustria Moda e iscritto alla Gruppo Monte Berico Ana Vicenza.
Oltre a Margherita Oliviero con il marito Michele Iotti, che hanno aderito all’iniziativa di Confindustria curando la manutenzione del furgone donato “affinché possa percorrere decine di centinaia di chilometri”.

Sempre in tema di responsabilità sociale, su cui Confindustria è da sempre impegnata, è di pochi giorni fa la consegna da parte  del Presidente Carlo Bonomi di un contributo economico all’Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani e i Militari dell’Esercito.


Scarica allegato


CHECK-UP MEZZOGIORNO: IL SUD RESISTE ALL’IMPATTO DELLA CRISI PANDEMICA

Confindustria e SRM: “Ora cogliere tutte le opportunità dei programmi europei”

 

Roma, 16 dicembre 2021 – Un Sud in ripresa che ha resistito all’impatto socioeconomico della pandemia e che sembra aver ripreso un sentiero di crescita sostenuta, che dovrà però essere consolidata cogliendo tutte le rilevanti opportunità offerte dai numerosi strumenti e misure di rilancio, in particolare dal PNRR, che prevede una effettiva e significativa attenzione al Sud. Al contempo, occorre avviare senza indugio il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi Strutturali 2021-27.

È questa la fotografia dell’economia meridionale nel 2021, in netto miglioramento rispetto a quella dello scorso anno, realizzata da Confindustria (Area Coesione Territoriale e Infrastrutture) e SRM (Centro Studi collegato al Gruppo Intesa Sanpaolo) nel check-Up Mezzogiorno.

Il primo, importante, segnale positivo arriva dall’Indice Sintetico dell’Economia Meridionale, che torna a salire dopo la brusca frenata del 2020, recuperando quasi del tutto i valori del 2019. Infatti, gli investimenti e le nuove imprese hanno superato il dato registrato prima della pandemia, evidenziando una vitalità imprenditoriale che ha saputo reagire alla crisi.

Le previsioni sul Pil confermano un andamento sostenuto del Pil meridionale per il 2021 pari a +5%, a fronte del +6,3% a livello nazionale e del +6,8% al Centro-Nord. Per quanto riguarda, invece, il 2022, si prevede la riduzione del delta di crescita tra le macroaree del Paese, con +4,4% per il Sud contro +4,6% per il Centro-Nord. Un dato questo, su cui occorre riflettere, perché potrebbe rappresentare la base di partenza per avviare un processo di reale convergenza.

Anche l’export meridionale nei primi nove mesi del 2021 torna a crescere, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, registrando +16,6%, rispetto a +20,2% del Centro-Nord. Sono le esportazioni, nel complesso, a trainare la ripresa economica in atto anche nel Mezzogiorno, con uno slancio complessivamente meno rilevante ma più significativo in alcuni settori rispetto al Centro-Nord.

Il clima di fiducia delle imprese manifatturiere presenta una tendenza crescente da metà 2020, anche se fortemente discontinua poiché sconta l’incertezza causata dalla pandemia, in modo ancora più accentuato tra le imprese meridionali.

Continuano a crescere, invece, le imprese attive, che nel terzo trimestre 2021 aumentano complessivamente di poco nel Mezzogiorno (+1,6%) rispetto al 2020, ma comunque in misura superiore rispetto al Centro-Nord e al Paese. Le imprese di capitali al Sud sono ormai più di 370 mila, con una crescita del 5,9% rispetto al terzo trimestre del 2020, quindi circa 21 mila nuove imprese di capitali.

Negli appalti di opere pubbliche si registra un’inversione di tendenza rispetto a quanto rilevato nei primi 10 mesi del 2020, con una riduzione di importi e un aumento dei bandi. Questo significa che l’impatto del PNRR non è ancora percepibile e che riemergono gli effetti delle misure straordinarie di semplificazione degli appalti di minore entità.

Risalgono gli impieghi creditizi alle imprese del Mezzogiorno, con una leggera crescita negli ultimi due trimestri dopo il calo registrato a dicembre 2020, e migliorano sensibilmente i tempi di pagamento, anche se nel Mezzogiorno mantengono ritardi più elevati rispetto al Centro-Nord.

I dati sull’occupazione consolidati al 2020, mostrano un andamento negativo complessivamente contenuto, sia a livello nazionale che nel Mezzogiorno. In controtendenza rispetto al dato complessivo, l’occupazione nelle costruzioni nel Mezzogiorno mostra un andamento positivo migliore di quello nazionale e delle altre aree territoriali, grazie alla forte spinta alle ristrutturazioni edilizie. Dati congiunturali sull’occupazione nel 2021, disponibili solo a livello nazionale, mostrano comunque un percorso di ripresa, che dovrebbe coinvolgere anche il Mezzogiorno, anche grazie a misure straordinarie, come la decontribuzione Sud, di cui si attende la proroga per tutto il 2022.

Un Sud con più luci che ombre, dunque, con forti aspettative sul determinante contributo generato dai programmi europei, con una grande attenzione sugli investimenti del PNRR e su quelli complementari. Infatti, oltre alle risorse messe in campo per i prossimi anni, è fondamentale accelerare la spesa delle risorse già da tempo disponibili, come quella dei Fondi Strutturali 2014-2020, ancora in ritardo, seppur con cifre diverse, sia nel Mezzogiorno che nel Centro-Nord, e quella del Fondo sviluppo e coesione (FSC), che conferma il sensibile ritardo attuativo che strutturalmente caratterizza i suoi molteplici impieghi. Molte aspettative sono riposte nell’avvio dei Piani Sviluppo e Coesione (PSC) nazionali e regionali, il cui processo di razionalizzazione in piani unitari delle risorse del FSC dovrebbe finalmente invertire una incapacità attuativa divenuta strutturale, anche per utilizzare gli oltre 73 miliardi di rifinanziamento disposti dalla legge di bilancio 2021 e 2022. Infine, l’avvio del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi Strutturali 2021-27 si fa quanto mai urgente e non più procrastinabile.

In sintesi, il PNRR non esaurisce il ventaglio delle opportunità programmatiche e di investimento nel Mezzogiorno per il prossimo decennio. Tuttavia, sono necessari forte integrazione e coordinamento coi Fondi SIE (14-20 e 21-27) e col FSC, in un disegno complessivo e coerente dell’azione di sviluppo del Mezzogiorno, e soprattutto la capacità di attuarlo.

 

 

 

 

 

 

 


Roma, 15 dicembre 2021 - Gli under 40 di Confindustria tornano alla presidenza di ‘YES for Europe’ con Matteo Dell’Acqua, candidato italiano del Movimento dei Giovani Imprenditori guidato da Riccardo Di Stefano.
Dopo Emma Marcegaglia (1997/1999) e Luca Donelli (2016/2017), l’Italia e i Giovani di Confindustria tornano al vertice di YES for Europe che, fondata nel 1988, è la confederazione europea dei giovani imprenditori che riunisce circa 100mila imprenditori under 45, appartenenti alle associazioni dei Paesi Membri dell’Unione Europea e dei paesi candidati all’adesione.

Insieme a Dell’Acqua, a guidare lo YES nei prossimi 12 mesi saranno lo spagnolo Lois Babarro Alén (CEAJE) e il tedesco Christoph Seydel (WJD), eletti vicepresidenti. 

“Vogliamo mantenere un dialogo costante con BusinessEurope e le altre associazioni di rappresentanza europee, per favorire il networking e portare in Europa le istanze dei giovani”. Ha detto il neoeletto Matteo Dell’Acqua, imprenditore lombardo alla guida dell’azienda AdFlex Group. “Obiettivo di questo mandato è supportare le giovani imprese europee nell’uscita dalla crisi e rafforzare il dialogo tra manifattura e imprese innovative come startup e scaleup”. 

“L’elezione di Dell’Acqua ci rende orgogliosi e conferma il nostro forte impegno oltreconfine per porre al centro delle politiche europee le istanze degli imprenditori giovani. Adesso, i Giovani di Confindustria – ha affermato il Presidente Riccardo Di Stefano -  sono protagonisti dei più improntati network datoriali giovanili in Europa e a livello globale, essendo alla guida per il 2022 anche del G20 Young Entrepreneurs’ Alliance”. 



Roma, 13 dicembre 2021 - "In relazione alla disponibilità espressa dalla viceministra allo Sviluppo economico Alessandra Todde, Confindustria conferma la sua piena disponibilità a un confronto, in tempi rapidi, su tutti i temi che riguardino l’attrattività degli investimenti in Italia e i temi complessi delle crisi e delle filiere industriali con particolare riferimento all'automotive".


LAVORO AGILE, STIRPE: PROTOCOLLO SEGNALE IMPORTANTE E POSITIVO

I risultati si ottengono se le parti sociali esercitano il loro ruolo

Roma, 7 dicembre 2021 - “L’accordo sul protocollo sul lavoro agile è un segnale importante e positivo”, ha dichiarato Maurizio Stirpe, Vice Presidente di Confindustria per il Lavoro e le Relazioni Industriali, a commento dell’accordo raggiunto oggi al Ministero del Lavoro. “E’ la prova che, quando le parti sociali esercitano il proprio ruolo, e il Governo si rende disponibile a costruire con loro una adeguata sintesi, i risultati si ottengono in tempi brevi e senza inutili polemiche. Mi auguro che sia una esperienza replicabile, l’inizio di una stagione feconda, pragmatica. Focalizzata sulle cose da fare”. 


CONFINDUSTRIA, FBK E INFN COSTITUISCONO L’ASSOCIAZIONE GAIA-X HUB ITALIA
 
“Sarà il punto di riferimento per i progetti sulla valorizzazione dei dati”
 
Milano, 3 dicembre 2021 - È stata costituita oggi l’Associazione Gaia-X Hub Italia, con l’obiettivo di promuovere l’ecosistema dei dati nel Paese. L’iniziativa, condivisa con i Ministeri dello Sviluppo Economico, dell’Innovazione e Transizione Digitale e dell’Università e della Ricerca, vede tra i soci fondatori Confindustria, Fondazione Bruno Kessler (FBK) e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). L’Hub rappresenterà il punto di riferimento per le imprese e le organizzazioni italiane interessate allo sviluppo di progetti fondati sulla valorizzazione dei dati, seguendo principi come l’interoperabilità, la privacy e il controllo dei dati di proprietà. Il progetto porterà alla creazione di una serie di “data space” divisi per settore, industrie o filiere, in cui le imprese e altre entità pubbliche o private potranno condividere tra loro in autonomia dati, informazioni e servizi.
 
L’Hub sarà inoltre un punto di raccordo con le controparti nazionali di Gaia-X a livello europeo, per arrivare allo sviluppo di un più ampio ecosistema continentale dei dati federato, sovrano e pienamente operativo.
 
Il progetto è stato illustrato oggi a Milano nell’ambito di CONNEXT 2021, dai soci fondatori e dai rappresentanti del governo.
 
“L’Europa, pur essendo la seconda regione al mondo per numero di utenti internet, è in forte ritardo sull’utilizzo dei dati rispetto a Cina e Stati Uniti. La recente adozione della “Strategia europea dei dati” punta a ridurre questo gap nel nostro continente e con l’adesione al progetto europeo Gaia- X l’Italia contribuirà a dare un impulso forte alla creazione di una data economy europea. La costituzione dell’Hub italiano rappresenta un’iniziativa all’avanguardia che consentirà al nostro Paese di cogliere le opportunità legate all’utilizzo e alla valorizzazione dei dati, che oggi costituiscono un vero asset per accrescere la produttività e la competitività delle imprese. Così Carlo Bonomi, Presidente di Confindustria.
 
Per la Fondazione Bruno Kessler (FBK) è motivo di orgoglio essere fra gli attori chiave di questa importante iniziativa di innovazione ha commentato Francesco Profumo, Presidente di FBK - GAIA X intende infatti contribuire alla costruzione degli “spazi dati europei”, infrastrutture che permetteranno ad aziende, centri di ricerca e istituzioni pubbliche di condividere dati e servizi in ambiti chiave per lo sviluppo del Paese. Grazie alle proprie competenze scientifiche, in particolare nell'Intelligenza Artificiale, e alla capacità di sviluppare collaborazioni strategiche con importanti aziende e istituzioni pubbliche, FBK contribuirà alla realizzazione degli scopi di GAIA X Italia in due modi: da un lato promuovendo progettualità concrete che, in stretta sinergia con il “Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza”, permettano alle aziende italiane di diventare più competitive e dall'altro assicurando la partecipazione e il contributo della ricerca italiana a questo processo”.
 
"L'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare è da sempre attore primario nel mondo della ricerca internazionale per la gestione e l’analisi di grandi moli di dati e delle relative infrastrutture distribuite, e ha un forte programma di trasferimento tecnologico in collaborazione con l'industria”, sottolinea Antonio Zoccoli, Presidente dell’INFN. “Con questa iniziativa, l’INFN intende coinvolgere il sistema di ricerca nazionale sui temi chiave dell’hub italiano di Gaia-X a beneficio di imprese e cittadini, e mettere a disposizione del Paese le proprie competenze e risorse”, conclude Zoccoli.


Scarica allegato

A CONNEXT PREMIATE LE 20 STARTUP PIU’ INNOVATIVE E SOSTENIBILI
Di Stefano (GI): nostro obiettivo far crescere il tasso di imprenditorialità in Italia
 
Roma, 3 dicembre 2021 - Oggi a Milano si è svolta la premiazione del Contest Percorso Startup. Un’iniziativa di Confindustria - in collaborazione con RetImpresa, LUISS e con la partnership tecnica di Luiss EnLabs e Digital Magics dedicata a Connext 2021 - che ha assegnato il premio alle 20 migliori realtà imprenditoriali con idee innovative e sostenibili in settori strategici del mercato, sulla base di criteri come l’impatto comunicativo o gli effetti socio-culturali e ambientali.
Alla Call, lanciata il 28 luglio, hanno partecipato 193 startup con progetti presentati nell’ambito dei 4 driver tematici di Connext (Fabbrica Intelligente; Pianeta Sostenibile; Città del Futuro; Persone, Scienze della Vita, Progresso) sulla piattaforma di Open Innovation RetImpresa Registry.
Le 20 startup premiate hanno vinto uno stand digitale, la possibilità di realizzare incontri b2b e presentazioni, oltre all’opportunità di incontrare un gruppo di operatori e investitori stranieri selezionati da ICE Agenzia, attivando importanti contatti a livello internazionale.

Come Giovani Imprenditori siamo da sempre molto attenti al tema startup con due obiettivi principali: mettere in connessione le nuove realtà con le imprese tradizionali e far crescere il tasso di imprenditorialità in Italia, stimolando la nascita di imprese attraverso progetti di networking, formazione e sviluppo. Con iniziative come questa abbiamo voluto contribuire a un cambio di passo nel panorama imprenditoriale italiano dando la possibilità a giovani imprese di incontrare potenziali investitori corporate”. Così Riccardo Di Stefano, Presidente Giovani Imprenditori di Confindustria. “Le startup in Italia – ha spiegato Di Stefano - continuano a nascere e crescere, nonostante la crisi pandemica e gli ostacoli che trovano lungo il percorso: al 1° ottobre 2021 quelle iscritte al registro delle imprese sono oltre 14.000, costituendo il 3,6% di tutte le società di capitali di recente costituzione. Sono 2.600, il 18,5% del totale, le startup innovative a prevalenza giovanile (quindi under 35). Siamo consapevoli che gli innovatori di oggi sono i grandi imprenditori di domani, quelli che continueranno a rendere il Made in Italy uno dei brand più forti al mondo” ha concluso Di Stefano.

I progetti imprenditoriali delle startup vincitrici sono stati sviluppati sulle principali tematiche dei 4 Driver di Connext e, in particolare:

  • Per “Fabbrica Intelligente”: tecnologie abilitanti come piattaforme e sistemi di integrazione verticale/orizzontale; Intelligenza artificiale; big data e deep learning; automazione avanzata; modellazione 3d; machine learning per piattaforme di augmented analysis;
  • Per “Città del Futuro”: marketplace immobiliari e sistemi digitali per la sharing mobility;
  • Per “Pianeta sostenibile”: tecnologie e sistemi per processi di economia circolare e simbiosi industriale; energie rinnovabili; piattaforme per efficienza energetica e sostenibilità sociale/nei luoghi di lavoro; tecnologie per la riforestazione;
  • Per “Persona, Scienze della Vita e Progresso”: Formazione 4.0; IoT, intelligenza artificiale e big data per dispositivi medici; biotech; intelligenza artificiale per il riconoscimento facciale; stampa 3D per dispositivi sanitari.
 
In allegato, l’elenco delle 20 startup vincitrici con la descrizione sintetica del progetto presentato a Connext 2021.
 


A CONNEXT CONFINDUSTRIA ASSEGNA IL “PREMIO IXI” A 12 IMPRESE TOP IN R&I
 
Milano, 3 Dicembre 2021 – Nella cornice di Connext 2021 Confindustria assegna oggi il “Premio Imprese per Innovazione” a 12 aziende che hanno investito con successo in R&I. Le vincitrici di questa XII edizione sono: per la categoria AWARD: Fabbrica d’Armi Pietro Beretta Spa; Oropan Spa; Persico Spa; per la categoria PRIZE: Farmalabor Srl; Fluid-o-Tech Srl; Nurjana Technologies Sr; Sergio Fontana Srl; per la categoria FINALISTE: Alperia Spa; ATIM Spa; Flash Battery Srl; Prosciuttificio San Michele Srl; Repower Italia Spa.
 
“Confindustria ha sempre riconosciuto e promosso la Ricerca e l’Innovazione come aree di intervento prioritario e questo impegno ha dato i suoi frutti. L’Italia, infatti, è ricca di imprese che riescono ad essere protagoniste a livello internazionale creando occupazione e benessere”. Così Francesco De Santis, Vicepresidente di Confindustria per Ricerca e Sviluppo. “Negli ultimi anni – ha spiegato De Santis - le aziende italiane hanno rafforzato la loro la capacità di tradurre i risultati della ricerca e sviluppo in prodotti, processi e servizi innovativi creando valore aggiunto per le imprese stesse e per il Paese. Il Pnrr, collegato alle politiche europee e nazionali, rappresenta una formidabile opportunità per colmare i gap che finora hanno rallentato la crescita del Paese. Un piano a cui ognuno deve dare il proprio contributo con responsabilità“.
 
Il Premio, promosso da Confindustria è il primo in Europa ad aver adottato i parametri dell’European Foundation for Quality Management (EFQM) e d è stato realizzato in collaborazione con la Fondazione Giuseppina Mai e Audi, con il contributo di Prima Sole Components e Warrant Hub e con il supporto tecnico di dell’Associazione Premio Qualità Italia (APQI).  
 
Il Premio “Imprese per Innovazione” partecipa, per la categoria Industria e Servizi, al Premio dei Premi, riconoscimento istituito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri su mandato del Presidente della Repubblica e la cui cerimonia si terrà nel corso del 2022.



CONFINDUSTRIA, ENEL X, ENI E 4.MANAGER PREMIANO I BEST PERFORMER DELL’ECONOMIA CIRCOLARE

Oggi a Connext la cerimonia finale della terza edizione del concorso. Sei le aziende scelte dal Comitato Tecnico Scientifico del progetto



Roma, 3 dicembre 2021 – Mewa OHG, Nestlè Italiana s.p.a., Officine Mario Dorin s.p.a, Plart Design s.r.l.,
TIALPI s.r.l. e Too Good To Go Italy s.r.l. Sono queste le sei realtà aziendali vincitrici, ciascuna per la propria categoria di riferimento, del concorso “Best performer dell’Economia Circolare 2020/2021”. Giunta alla sua terza edizione e ideata da Confindustria (Sistemi Formativi Confindustria) con il supporto di 4.Manager ed in collaborazione con Enel X ed Eni, la manifestazione si è conclusa questa mattina con la cerimonia di premiazione nella cornice di Connext 2021 al MiCo di Milano. Novanta i progetti candidati. L’obiettivo del concorso è quello di far emergere e valorizzare le imprese che più hanno saputo cogliere lo spirito e le opportunità di business offerte dal modello economico circolare nelle diverse fasi del ciclo produttivo (approvvigionamento, design, produzione, distribuzione, consumo, recupero, riciclo). Una testimonianza che conferma come anche per realtà imprenditoriali operanti in settori produttivi diversi tra loro, l’economia circolare sia una sfida per conseguire un vantaggio competitivo che genera un impatto positivo anche in termini ambientali, energetici ed economici.

Infatti, i best performer sono quelle imprese che, nell’arco temporale degli ultimi tre anni 2019-2021, hanno intrapreso azioni finalizzate allo sviluppo di un modello di business o all’attivazione e aggiornamento del processo produttivo, in un’ottica di transizione elaborata nella “logica circolare”. Al termine del percorso di valutazione, coordinato dal Comitato Tecnico Scientifico del progetto di cui fanno parte esperti di provenienza accademica, imprenditoriale ed istituzionale, sono stati individuati e premiati i “Best performer dell’economia circolare”.
Le aziende premiate riceveranno il Circular Economy Report, sviluppato da Enel X. Il report ha l’obiettivo di misurare la circolarità dell’azienda e la circolarità energetica di un sito specifico attraverso una metodologia riconosciuta sul mercato, oltre a definire una roadmap di soluzioni innovative volte a incrementare la circolarità riducendo i consumi energetici, le emissioni di CO2 e i costi. Inoltre, parteciperanno anche al Circular Bootcamp di Eni che raccoglierà le aziende vincitrici in 3 giorni di formazione e confronto per mettere a fattor comune iniziative e idee nell’ambito dell’economia circolare.
La collaborazione tra Confindustria, Enel X, Eni e 4.Manager è nata grazie all’impegno che ormai da tempo queste realtà hanno dimostrato sul tema dell’Economia Circolare, per individuare le aree di miglioramento e supportare le imprese negli investimenti nel campo della sostenibilità ambientale.
In occasione della premiazione è stata lanciata la nuova edizione 2022 del concorso. Modalità di partecipazione e tutti i dettagli sono online su http://economiacircolare.confindustria.it/.



CONFINDUSTRIA: DOMANI AL MICO DI MILANO AL VIA CONNEXT 2021
“Attesi 6000 tra imprenditori e manager, 600 espositori e 2000 B2B”


Roma 1° dicembre 2021 - Al via domani al MiCo di Milano la due giorni di Connext 2021. Il grande evento nazionale di partenariato industriale di Confindustria torna con un’edizione completamente rinnovata e con una nuova dimensione digital. Oltre 6000 tra imprenditori e manager, e 600 espositori, hanno già confermato la loro presenza, mentre sono circa 2000 gli incontri B2B programmati. Sono oltre 200 le startup attese, e 20 le vincitrici della Call Percorso Startup. Solida anche la rappresentanza di imprese estere, con oltre 100 realtà presenti.

Con Connext Confindustria punta sulla forza propulsiva delle alleanze come motore della ripartenza in un contesto ancora molto incerto a causa della pandemia.


La grande novità di questa edizione è la dimensione virtuale, che affianca l’evento in presenza. Il risultato è un vero e proprio Expo digitale, in cui sarà possibile visitare da remoto gli stand interattivi riprodotti in 3D. Gli eventi in programma sono oltre 80 e rientrano nei quattro driver tematici scelti per questa edizione: Fabbrica Intelligente, Città del Futuro, Pianeta Sostenibile, Persone Scienze della Vita e Progresso.

A Connext imprese di piccole e grandi dimensioni, anche non iscritte a Confindustria, dialogheranno con realtà internazionali, Università, Centri di ricerca, la rete dei Digital Innovation Hub e dei Competence Center e con i principali attori del mondo economico e istituzionale.


Tra i Main Partner: 4.Manager, Assolombarda, FASI, Intesa Sanpaolo, ICE Agenzia e Umana. Tra i Partner: Audi, Enel, Eni, Fondimpresa, Fondirigenti, Luiss e Retimpresa.  Sponsor: Prima Sole Components; Sponsor tecnico Chiarini. Vettore Ufficiale Trenitalia; il Gruppo Sole 24 Ore Media Partner.

Tra i partecipanti, Aizoon, Assidai, il Campus Biomedico di Roma, Feralpi, INAIL, Unioncamere con Dintec, Promos e Infocamere, Mastercard, Sogin, il Silver Economy Network di Assolombarda.

All’iniziativa partecipano 40 Associazioni del Sistema Confindustria, mentre partner istituzionali come ICE Agenzia, insieme a realtà associative come BusinessMed, E4Impact, Confindustria Assafrica e Mediterraneo e le Rappresentanze estere Confindustria Est Europa e Confindustria Russia, hanno contribuito a garantire l’importante presenza internazionale.
 
La manifestazione si svolge sotto il Patrocinio di Comune di Milano, Regione Lombardia e Conferenza delle Regioni.


Dove siamo
Complementary Content
${loading}