WCM_NewsDetail

News

06 | lug | 18 | Confindustria
  • print

Dettaglio documenti Confindustria

Intervista a Vincenzo Boccia - “Il governo ha obiettivi giusti ma ha scelto strumenti sbagliati”

“Comprendiamo i fini del decreto dignità: evitare le delocalizzazioni selvagge e ridurre le dimensioni della precarietà. Critichiamo gli strumenti che sono stati individuati”. Lo  ha detto il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, intervistato oggi da Repubblica.

 

“Sul fronte delle delocalizzazioni – ha detto Boccia - vanno evitate aree grigie, dal punto di vista normativo, che possano dar luogo a conflitti interpretativi. Per quel che riguarda i contratti a termine pensiamo che sia un errore passare da 36 mesi di contratti senza causale a 12. È un meccanismo che provocherà un maggiore turn over dei lavoratori”.

 

“Siamo – ha proseguito Boccia - assolutamente contrari alle delocalizzazioni selvagge. Ma nel decreto ci sono troppe aree di incertezza, bisogna renderlo più semplice, altrimenti si genera ansia sugli imprenditori. Non abbiamo niente in contrario a punire i comportamenti opportunistici di chi, anche tra le imprese, assume un impegno con lo Stato e poi non lo mantiene. Riteniamo però che il vero obiettivo debba essere quello di fidelizzare gli investitori, dobbiamo fare in modo che chiunque investa sia invogliato a restare”.

 

Per approfondire, leggi l’intervista in allegato.

ALLEGATI download
WCM_InfoRiferimento
theme-toolbar utb-shelf