WCM_simple_content

Documenti

18 | apr | 18 | Centro Studi , Congiuntura Flash
  • print

Dettaglio documenti Confindustria

Congiuntura Flash - Analisi mensile del Centro Studi Confindustria - Aprile 2018

Crescono i rischi per l’economia mondiale e l’Italia rallenta nel 1° trimestre.

 

Le tensioni internazionali originate dallo scontro sui dazi tra USA e Cina generano incertezza. Il commercio mondiale è cresciuto a ritmi sostenuti fino a gennaio (+0,9% su dicembre), ma gli indicatori qualitativi segnalano rallentamento: a marzo gli ordini esteri del PMI manifatturiero globale sono ai livelli più bassi in 15 mesi. Si è fermato, inoltre, l’apprezzamento della valuta cinese, volano per l’export occidentale.

 

La produzione nell’industria ha sorpreso al ribasso a febbraio (-0,5%), dopo il calo di gennaio; una lieve flessione è stata registrata dagli ordini per l’industria, ma rimane il trend di crescita; rallentano i servizi, secondo l'indice PMI di marzo, pur se i livelli restano elevati. Ciò potrebbe determinare una frenata del PIL nel 1° trimestre, dopo il +0,3% nel 4° del 2017.

 

Il focus del mese - Conti pubblici e impatto dei “salvataggi” bancari

 

Negli ultimi anni sono stati varati in Italia interventi molto diversi per il “salvataggio” di istituti italiani in crisi. Ciò è legato all’evoluzione delle normative europee che hanno spostato dal pubblico al privato l’onere dei salvataggi, ai corrispondenti effetti politici in Italia, alle diverse situazioni degli istituti.

 

Non è ancora possibile, comunque, calcolare il risultato complessivo netto per lo Stato e per i soggetti privati di questi tre interventi di “salvataggio” bancario. Per almeno due motivi.

 

Primo, l’ammontare di risorse che lo Stato potrà incassare dalla bad bankcreata per le venete è incerto, come dimostra la distanza di 20 punti percentuali tra le stime di recupero di Governo e Eurostat.

 

Secondo, è altamente incerta la quantità di risorse che lo Stato incasserà dalla prevista uscita dal capitale di MPS nel 2021. Ai valori correnti perde circa 3 miliardi. Le quotazioni della banca, però, potrebbero risalire con il piano di ristrutturazione in corso.

Per saperne di più, scarica il documento completo.

 

ALLEGATI download
WCM_InfoRiferimento
theme-toolbar utb-shelf