Sei in: Home

inviastampa

Scenari economici n. 16 - Sulla ripresa la cappa dell’incertezza e della sfiducia - Nuova finanza alle imprese per superare la scarsità di credito - dicembre 2012

Dicembre 2012

Lo scenario globale mostra segnali di miglioramento negli Stati Uniti e in Cina. Anche se il loro ritmo di sviluppo rimarrà più lento che in passato, gli scambi mondiali ne trarranno beneficio. L’Eurozona è però ancora invischiata nella spirale della crisi finanziaria. Nei fatti non è stato reciso il legame tra bilanci bancari e conti pubblici. Permangono divisioni tra paesi, nonostante maggiore consapevolezza e cooperazione. La recessione accomuna tutti i paesi, con durata e intensità differenti anche per le diversità nelle politiche economiche e per gli ampi spread nei tassi di interesse. In Italia la contrazione di domanda di beni e servizi e attività produttive persiste. I bassi livelli di fiducia rivelano grande incertezza, aggravata dalle incognite sulle prossime elezioni che rendono più difficile la ripartenza di consumi e investimenti, in un contesto sempre poco competitivo e scoraggiante per l’attività di impresa.

La selettività del credito prosegue. Ha cause di lungo periodo legate a doppio filo con la bassa crescita dell’economia ed è accentuata dall’impatto regolatorio sul capitale delle banche e dalla frammentazione europea. Occorrono innovazioni per favorire la finanza d’impresa.


Prefazione.pdfPrefazione.pdf      Par 1.1.pdfPar 1.1.pdf      Par. 1.2.pdfPar. 1.2.pdf

lp_11 dicembre 2012new.pdf      onado_11 dicembre 2012.pdfonado_11 dicembre 2012.pdf      Saccomanni - confindustria 11 dicembre 2012 [modalità compatibilità].pdfSaccomanni - confindustria 11 dicembre 2012 [modalità compatibilità].pdf