inviastampa

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati. Cultura, strategie delle imprese e focus Russia (5/5/2014)

Il Centro Studi Confindustria e Prometeia hanno presentato la quinta edizione della ricerca “Esportare la dolce vita 2014”: le nuove opportunità per le esportazioni di beni belli e ben fatti (BBF) nei nuovi mercati (o mercati emergenti).
I beni BBF sono costituiti da prodotti di fascia medio-alta dei settori alimentare, arredamento, abbigliamento e tessile casa, calzature, occhialeria e oreficeria-gioielleria. La ricerca è stata condotta con il contributo delle Associazioni ANFAO, ANICA, Assocalzaturifici, Federalimentare, FederlegnoArredo, Federorafi e Sistema Moda Italia.  Nel rapporto sono presentate le previsioni al 2019 delle importazioni dei nuovi mercati di BBF. Sono anche stimate le importazioni di questi paesi dall’Italia, ipotizzando una quota di mercato italiana costante nell’orizzonte di previsione.
Per la prima volta in questa edizione ci sono: un focus sull’importanza della cultura e della produzione audiovisiva italiane come veicoli di esportazioni di beni BBF, un approfondimento sull’economia russa, il primo mercato emergente importatore di BBF italiano, e un’analisi delle strategie delle imprese-BBF (quest’ultima curata dall’ISTAT).  Entrare nei nuovi mercati è una grande sfida per le PMI italiane ma tante ce l’hanno fatta, nonostante la piccola dimensione. L’attenta valutazione delle potenzialità dei consumi, il vaglio delle barriere commerciali esistenti e il supporto dei veicoli di promozione commerciale sono punti di partenza fondamentali per vincere la sfida.


EDV 2014_indice.pdf EDV 2014_Presentazione rapporto_ALanza.pdf EDV 2014_Fasi produzione film_ANICA_FMedolago.pdf