Sei in: Home

inviastampa

Scenari economici n. 7 - Le sfide dei nuovi mercati, tra innovazioni e paesi emergenti (Dicembre 2009)

Roma, 18 Dicembre 2009
Centro Studi
Il Direttore Luca Paolazzi


 

La ripresa non è una chimera, ma è ostacolata dalle conseguenze della crisi.
Nella finanza, che deve ricapitalizzarsi per operare con meno leva e dentro regole più stringenti.
Sul mercato del lavoro, dove la disoccupazione nell’Europa continentale, salirà ancora per alcuni trimestri, mentre in USA è prossima al picco.
Nei bilanci pubblici, in cui serviranno anni di manovre per risanare i deficit e riportare i debiti su un sentiero di sostenibilità.
Sui conti delle famiglie, che saranno più parsimoniose per ridurre i debiti e ricostituire i patrimoni.
Nelle scelte delle imprese, per le quali il cosa, il quanto, il come e il dove produrre sono stati rimescolati dalla centrifuga competitiva azionata dal crollo della domanda nei paesi avanzati e dall’accanita pressione concorrenziale degli emergenti.
La crisi ha fatto calare la nebbia dell’incertezza sul futuro dello sviluppo economico. Le potenzialità di crescita racchiuse nei nuovi mercati e nelle innovazioni sono il faro per guardare oltre la gestione dell’emergenza e impostare nuove strategie aziendali.

Allegati

Scenari economici cap 1-2 [1313 Kbytes - <5 min.@56Kb/s]
lp_17 dicembre 2009 [344 Kbytes - <2 min.@56Kb/s]
bracco [627 Kbytes - <3 min.@56Kb/s]
dg_17 dicembre 2009 [182 Kbytes - <1 min.@56Kb/s]
giani [246 Kbytes - <1 min.@56Kb/s]
Confindustria_Presentazione_Gambardella_Dic_17_2009 [480 Kbytes - <2 min.@56Kb/s]

 

Per informazioni rivolgersi a:
CSC - Centro Studi  |  Riferimento: Bargagli Gianna
Telefono: 065903652  |  E-mail: g.bargagli@confindustria.it